175931056-60dbf3a9-366f-4b8e-aa55-7388818bc315

Il Tar del Lazio ha sospeso con un decreto cautelare urgente l’ordinanza del sindaco di Roma, Virginia Raggi, che vietava i ‘botti’ di Capodanno.

Il Tar ha fissato anche una camera di consiglio per il 25 gennaio per discutere nel merito la questione. L’ordinanza varata dalla sindaca prevedeva dal 29 dicembre fino alla mezzanotte del primo gennaio “nel territorio di Roma capitale il divieto assoluto di usare materiale esplodente, fuochi artificiali, petardi, botti, razzi e altri simili artifici pirotecnici e in genere artifici contenenti miscele detonanti ed esplodenti”
Il tribunale amministrativo del Lazio, con un decreto cautelare, ha accolto il ricorso presentato dai produttori e i distributori di fuochi d’artificio di Roma e dintorni grazie alla circolare del Ministero dell’interno emanata il 9 Dicembre e divulgata dal SI.N.O.P – Sindacato Nazionale Operatori Pirotecnici che riteneva illegittime le ordinanze sindacali in quanto non in linea con la normativa vigente e i loro ambiti di competenza (l’organismo di sorveglianza sul mercato è il Prefetto).

Subito prima di Natale, infatti, letto il documento stilato dal Campidoglio, i rappresentanti dell’Associazione nazionale imprese spettacoli pirotecnici si sono immediatamente rivolti a un avvocato che ha presentato ricorso.

Fonte: Repubblica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *